SAJAS, IL BRAND DI LUSSO SAUDITA CHE UNISCE TRADIZIONE E MODERNITÀ

Voliamo in Arabia Saudita alla scoperta di un brand di cui siamo certe voi donne e ragazze italiane vi innamorerete: Sajas. Ovviamente ci rivolgiamo anche agli uomini: se volete stupire le vostre donne con un regalo davvero speciale continuate a leggere.

Dopo aver perfezionato i suoi studi di moda in Australia, UK, Qatar e Francia, e aver sviluppato la sua visione a contatto con importanti designer e personalità internazionali, tornata nella sua terra d’origine, la designer Saja Alyousef, non soddisfatta dei prodotti che vedeva attorno a sé, ha deciso nel 2004 di fondare il suo brand. Le esperienze internazionali e il forte legame con la sua terra d’origine convivono in perfetto equilibrio nei suoi prodotti.

The BISHT Collection
Il logo del brand è un fiore di loto ed è stato scelto dalla designer durante la sua visita alla Fashion Week Indiana del 2014. Era alla ricerca di un simbolo che rappresentasse lo spirito del suo lavoro e in terra indiana notava questo fiore ripetersi frequentemente attorno a lei. Esso è imbolo di bellezza, salute, ottimismo e amore. Esattamente le sensazioni e le emozioni che ogni donna dovrebbe provare, anche grazie agli abiti e agli accessori indossati.

L’obiettivo di Saja Alyousef è quello di rendere il suo brand noto e amato in tutto il mondo, senza mai ovviamente rinnegare le sue radici, ben presenti nel design elegante e di lusso delle sue creazioni. Ha partecipato nel 2016 e nel 2017 al salone di gioielleria in Arabia Saudita. Nel 2018, inoltre, ha presentato la sua collezione di borse alla London Fashion Week e nel 2019 a Milano durante la Settimana della Moda.

The BISHT Collection
La sua ultima collezione, The BISHT Collection, si distingue soprattutto per la gioielleria e la pelletteria. Il simbolo del fiore di loto ritorna su orecchini, collane e bracciali, così come impreziosisce le borse. Quest’ultime, dal design pulito e squadrato, sono realizzate in pelle di altissima qualità, anche di pitone, da laboratori artigianali fiorentini.


La stilista racconta di essersi ispirata per questa collezione ad un capo del costume tradizionale dell’Arabia Saudita, il Bisht appunto. Si tratta di un mantello realizzato con tessuti pregiati e impreziosito da decorazioni e passamaneria dorati. Veniva indossato dagli uomini nelle occasioni formali e dalle donne del diciannovesimo secolo per coprire il capo quando uscivano di casa. Altra fonte di ispirazione è l’Abaya, il tradizionale abito femminile saudita. Nella sua collezione Saja ha voluto unire questi due elementi tradizionali della cultura Araba reinterpretandoli in chiave moderna. Il risultato è una donna elegante e raffinata, orgogliosa della proprio cultura e pronta a viverla senza confini.

Sharing is caring!

Categories

Comments are closed.